Strict Standards: mktime(): You should be using the time() function instead in /membri2/pulitzer/pivot/modules/module_debug.php on line 95
BloB Informatico - Il blog di Marco Cipriani

Ultimi Commenti

chiara (L'Angolo Informat…): Ciao! Anche io lavoro nel…
Luca (Francia e P2P: l'…): Io dico che come idea non…
Franco (Germania: dura le…): Altro che depenalizzare..…
Marco - WebMaster… ( Rilasciato Micro…): Cataldo, sono d’accordo c…
cataldo ( Rilasciato Micro…): Ma virtual pc 2007 vera…
Augusto Buonafalc… (L'Angolo Informat…): Chiedo scusa per il curio…
Marco - WebMaster… (L'Angolo Informat…): Signor Buonafalce, le ris…
Augusto Buonafalc… (L'Angolo Informat…): Mi sono imbattuto nel suo…
Mirko (Telefonini e VoIP…): www.pirellibroadba…
cristiano (Tribunale blocca …): cari ragazzi il fatto c…

Archivi

01 Set - 30 Set 2007
01 Feb - 28 Feb 2007
01 Gen - 31 Gen 2007
01 Dic - 31 Dic 2006
01 Nov - 30 Nov 2006
01 Mag - 31 Mag 2006
01 Apr - 30 Apr 2006
01 Mar - 31 Mar 2006
01 Feb - 28 Feb 2006
01 Gen - 31 Gen 2006
01 Dic - 31 Dic 2005
01 Nov - 30 Nov 2005

La mia pagina dei Tag
Corriere della Sera
La Repubblica
Punto Informatico
Pivot Homepage
Pivotstyles
Pivot Help
Sitemap Generator
BlogItalia



Add to Google
Add to Technorati Favorites

Blogroll

Alex Longo
Andrea Beggi
Beppe Grillo
Daniele Minotti
Dario Bonacina
La Spina nel Fianco
Little Italy Photoblog
Luca De Biase
Manteblog
MobileBlog
Nva24ora!
Pandemia
Stefano Quintarelli
TelcoEye
Tommaso Tessarolo
Voipblog
Vittorio Zambardino


Google
Web Blog


Syndication

Powered by Pivot - 1.40.4: 'Dreadwind' 
XML: RSS Feed 
XML: Atom Feed 

Creative Commons License
Questo blog utilizza
la Creative Commons License.

« Rilasciato Microsoft… | Home | N3TV: nuova NetTV ita… »

22 Febbraio 2007
WiMAX a 1 gigabit nel 2009

       

L'IEEE (Institute of Electrical and Electronics Engineers) starebbe lavorando ad una nuova versione dello standard WiMAX, 802.16m, che permetterebbe il trasferimento dati fino a un gigabit/sec. Lo riporta oggi Punto Informatico:

"Velocità - e retro-compatibilità con gli apparati 802.16 già esistenti - saranno le caratteristiche del nuovo standard che, come assicurato dallo IEEE, sarà più mobile che mai in quanto compatibile con i requisiti fissati dall'ITU (International elecommunication Union, ndr) per la tecnologia 4G.
Non è difficile capire i possibili impieghi di banda così tanto larga: il target è la sempre più inseguita convergenza tra la omunicazione IP (leggibile anche come VoIP) e le sempre più numerose applicazioni multimediali audio/video e via discorrendo. Molti analisti esprimono un cauto scetticismo, dovuto alle difficoltà connesse al dichiarato obiettivo di retro-compatibilità.
L'IEEE ritiene comunque di essere in grado di ultimare lo sviluppo del nuovo standard entro la fine del 2009".

La notizia è sicuramente interessante, anche se penso sia inutile farsi troppe illusioni: l'802.16m non troverà applicazione Italia se non tra molti anni. Per rendersene conto basta analizzare l'attuale situazione.

  • In Italia, dopo mille peripezie e in ritardo rispetto agli altri Paesi europei, a giugno dovrebbe uscire il bando per assegnare le prime licenze per il WiMAX "fisso" (802.16d), ma saranno resi disponibili soli 70 Mhz (35+35). Non verrano sfruttati tutti i canali disponibili per il WiMAX e la banda di cui potranno usufruire i singoli utenti sarà sicuramente limitata. Nella migliore delle ipotesi da noi le prime reti WiMAX non saranno pronte prima di autunno 2007 - inizio 2008.
  • Le telco impegnate nella telefonia mobile che detengono licenze UMTS vedono il WiMAX "mobile" (802.16e) come il fumo negli occhi. Temono di non riuscire a rientrare degli investimenti fatti (in particolare dei costi miliardari sostenuti per l'acquisto delle licenze per il 3G), poichè l'introduzione su vasta scala di questa tecnologia potrebbe permettere l'ingresso (a basso costo) di nuovi concorrenti agguerriti, in grado di erogare servizi dati e voce (tramite VoIP). Per questo cercheranno di ritardarne o di limitarne l'introduzione in tutti i modi. Inoltre la fase di sperimentazione del WiMAX in Italia ha riguardato solo il tipo "fisso" ed è probabile che prima di introdurre lo tecnologia verrà avviata una fase analoga anche per il "mobile". I tempi per implementare reti basate dell'802.11e nel nostro Paese non sono dunque pronosticabili.

E alla luce di quanto detto, non credo proprio che il nuovo standard 802.16m troverà meno ostacoli dei suoi predecessori. In più il termine fissato dall'IEEE per lo sviluppo dello standard (fine 2009) non è certo dietro l'angolo: chissà quante ne vedremo prima di allora.


Tags:



0 commenti:


0 trackbacks:

Trackback link:

Please enable javascript to generate a trackback url


  
Mantenere le informazioni personali?

Emoticons / Textile
  (Registra il tuo Nome Utente / Log in)

Notifica:
Hide email:

Note: Tutti i tag HTML eccetto <b> e <i> saranno rimossi dal commento. Puoi inserire link semplicemente scrivendo l'url o l'indirizzo di e-mail.