About

Ciao a tutti. Lavoro per una nota società di telecomunicazioni.
Curo anche la rubrica quindicinale l'Angolo Informatico per il Corriere del Trentino con cui collaboro dal 2005. Alla voce Articoli potete trovare alcuni dei pezzi pubblicati.
Per vedere i vecchi post usate i link sugli Archivi mensili oppure il Calendario che mostra in grassetto i giorni nei quali ho pubblicato qualcosa.
Per contattarmi pulitzer@altervista.org

Ultimi Commenti

chiara (L'Angolo Informat…): Ciao! Anche io lavoro nel…
Luca (Francia e P2P: l'…): Io dico che come idea non…
Franco (Germania: dura le…): Altro che depenalizzare..…
Marco - WebMaster… ( Rilasciato Micro…): Cataldo, sono d’accordo c…
cataldo ( Rilasciato Micro…): Ma virtual pc 2007 è vera…
Augusto Buonafalc… (L'Angolo Informat…): Chiedo scusa per il curio…
Marco - WebMaster… (L'Angolo Informat…): Signor Buonafalce, le ris…
Augusto Buonafalc… (L'Angolo Informat…): Mi sono imbattuto nel suo…
Mirko (Telefonini e VoIP…): www.pirellibroadba…
cristiano (Tribunale blocca …): cari ragazzi il fatto è c…

Calendario

« Gennaio 2017
D L M M G V S
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        

Syndication

Powered by Pivot - 1.40.4: 'Dreadwind' 
XML: RSS Feed 
XML: Atom Feed 



Creative Commons License
Questo blog utilizza
la Creative Commons License.

28 Settembre 2007N3TV: nuova NetTV italiana

       

Da qualche giorno ha iniziato a "trasmettere" N3TV "Free To Net Television", esperimento di NetTV tutto italiano, ideato e sviluppato da Tommaso Tessarolo.

N3TV è un'emittente generalista disponibile solo online nata dal mondo dei blog. Riporta n3tv.it :

"La prima stagione, che durerà fino al 13 giugno 2008, offrirà gratuitamente agli spettatori un appuntamento quotidiano con N3:NEWS – trasmissione composta da tante pillole indipendenti di 5 news in 3 minuti che vertono su temi di tecnologia (a cura di Punto Informatico), videogame (Kurai), mobile (MobiLoud.it), blogosfera (I blog it!), NetTV (tommaso.tessarolo) – e diversi live show settimanali – trasmessi attraverso la piattaforma di broadcast live sul web Mogulus e dotati di funzionalità interattive – che tratteranno di musica (con Erik Stripparo), politica (con Emiliano Germani), blogosfera (con Tommaso Tessarolo) e tanto altro ancora".

L'emittente promette di allargare presto l'offerta gratuita di contenuti, con News su altri argomenti e live show settimanali.

Un sincero in bocca al lupo a tutte le persone che curano questo interessante progetto. Di seguito un esempio delle News in pillole di oggi.

sostituita l'icona con il testo "Permalink" -->

Marco - default - / 0 trackbacks - Permalink

22 Febbraio 2007
WiMAX a 1 gigabit nel 2009

       

L'IEEE (Institute of Electrical and Electronics Engineers) starebbe lavorando ad una nuova versione dello standard WiMAX, 802.16m, che permetterebbe il trasferimento dati fino a un gigabit/sec. Lo riporta oggi Punto Informatico:

"Velocità - e retro-compatibilità con gli apparati 802.16 già esistenti - saranno le caratteristiche del nuovo standard che, come assicurato dallo IEEE, sarà più mobile che mai in quanto compatibile con i requisiti fissati dall'ITU (International elecommunication Union, ndr) per la tecnologia 4G.
Non è difficile capire i possibili impieghi di banda così tanto larga: il target è la sempre più inseguita convergenza tra la omunicazione IP (leggibile anche come VoIP) e le sempre più numerose applicazioni multimediali audio/video e via discorrendo. Molti analisti esprimono un cauto scetticismo, dovuto alle difficoltà connesse al dichiarato obiettivo di retro-compatibilità.
L'IEEE ritiene comunque di essere in grado di ultimare lo sviluppo del nuovo standard entro la fine del 2009".

La notizia è sicuramente interessante, anche se penso sia inutile farsi troppe illusioni: l'802.16m non troverà applicazione Italia se non tra molti anni. Per rendersene conto basta analizzare l'attuale situazione.

  • In Italia, dopo mille peripezie e in ritardo rispetto agli altri Paesi europei, a giugno dovrebbe uscire il bando per assegnare le prime licenze per il WiMAX "fisso" (802.16d), ma saranno resi disponibili soli 70 Mhz (35+35). Non verrano sfruttati tutti i canali disponibili per il WiMAX e la banda di cui potranno usufruire i singoli utenti sarà sicuramente limitata. Nella migliore delle ipotesi da noi le prime reti WiMAX non saranno pronte prima di autunno 2007 - inizio 2008.
  • Le telco impegnate nella telefonia mobile che detengono licenze UMTS vedono il WiMAX "mobile" (802.16e) come il fumo negli occhi. Temono di non riuscire a rientrare degli investimenti fatti (in particolare dei costi miliardari sostenuti per l'acquisto delle licenze per il 3G), poichè l'introduzione su vasta scala di questa tecnologia potrebbe permettere l'ingresso (a basso costo) di nuovi concorrenti agguerriti, in grado di erogare servizi dati e voce (tramite VoIP). Per questo cercheranno di ritardarne o di limitarne l'introduzione in tutti i modi. Inoltre la fase di sperimentazione del WiMAX in Italia ha riguardato solo il tipo "fisso" ed è probabile che prima di introdurre lo tecnologia verrà avviata una fase analoga anche per il "mobile". I tempi per implementare reti basate dell'802.11e nel nostro Paese non sono dunque pronosticabili.

E alla luce di quanto detto, non credo proprio che il nuovo standard 802.16m troverà meno ostacoli dei suoi predecessori. In più il termine fissato dall'IEEE per lo sviluppo dello standard (fine 2009) non è certo dietro l'angolo: chissà quante ne vedremo prima di allora.


Tags:

sostituita l'icona con il testo "Permalink" -->

Marco - default - 0 commenti / 0 trackbacks - Permalink

20 Febbraio 2007
Rilasciato Microsoft Virtual PC 2007

       

Microsoft ha reso disponibili le nuove versioni di SQL Server 2005 e di Virtual PC 2007. Entrambi i software ora offrono piena compatibilità con Windows Vista.
L'arrivo di Virtual PC 2007, il tool per creare e gestire più macchine virtuali con sistemi operativi diversi su uno stesso computer reale, era atteso da tempo (la versione precedente risaliva al 2004).
La nuova versione garantice il supporto a Windows Vista sia per i sistemi host che per quelli guest.
Queste le altre novità segnalate nelle release notes di Microsoft:

  • 64-bit host operating systems
  • Hardware-assisted virtualization
  • Network-based installation of a guest operating system
  • Running virtual machines on multiple monitors

Per quanto riguarda i sistemi operativi, sia per i sistemi host che guest sono supportate le versioni Business, Ultimate ed Enterprise di Windows Vista, ma non la versione Premium. Stesso discorso per XP: supporto per XP Pro, ma non XP Home. Mantenuto il supporto a Win 2000 Professional e Windows 98 SE. Vecchi sistemi operativi come il Dos 6.22, Windows 95, 98, Millenium Edition e NT 4.0 sono compatibili con Virtual PC 2007, ma non supportati.
Virtual PC 2007 si può scaricare gratuitamente da qui .

Tags: sostituita l'icona con il testo "Permalink" -->

Marco - default - due commenti / 0 trackbacks - Permalink

19 Febbraio 2007Disservizio:
blog offline a tratti per 48/72 ore

       

Mi è stato appena comunicato da Altervista che, causa manutenzione straordinaria, il blog potrebbe risultare a tratti inaccessibile per le prossime 48/72 ore, soprattutto nelle ore notturne.

E' la prima volta che succede in due anni, abbiate pazienza.

Io intanto faccio un backup: non si sa mai ...

sostituita l'icona con il testo "Permalink" -->

Marco - default - 0 commenti / 0 trackbacks - Permalink

17 Febbraio 2007Joost:
nuova beta 0.8 c'è anche per Mac

       

Rilasciata la versione beta 0.8 di Joost, disponibile per la prima volta anche per piattaforma Mac Intel.

Migliorata ulteriormente la qualità video grazie al nuovo CoreAVC Video decoder e aggiunti nuovi contenuti:

* Documentaries from National Geographic;
* Loud noise and fast cars from the Indy Racing League;
* Healthy living programming from Lime;
* A variety of reality series in the Lazy TV channel from Endemol;
* Cartoons like Rocky and Bullwinkle in Saturday Morning TV (Classic Media);
* A lineup of independent film makers from IndieFlix;
* More reality TV with the Bridezillas series from September Films;
* Video gaming tricks and reviews form Gamestar;
* Comical, irreverent and edgy programming from Bite TV
* And cool new Bollywood music videos from Savvn.

Tags: sostituita l'icona con il testo "Permalink" -->

Marco - default - 0 commenti / 0 trackbacks - Permalink

15 Febbraio 2007Microsoft Soapbox
è in beta pubblica:
inizia il match con YouTube

       

Con il rilascio in beta pubblica di SoapBox, avvenuto il 13 febbraio, entra nel vivo la sfida di Microsoft a YouTube e quindi a Google, nel mondo dei video amatoriali.
Dallo scorso settembre SoapBox era in beta privata e solo gli utenti invitati potevano pubblicare i propri video.

L'interfaccia di SoapBox si basa su Ajax ed è davvero semplice da utilizzare: sono disponibili funzionalità per permettere agli utenti di scambiare messaggi e inserire commenti; filmati con contenuti giudicati inappropriati o offensivi possono essere segnalati a Microsoft tramite il link "report" presente sotto ogni video.
E' possibile inviare file con una dimensione massima di 100 MB. I formati video supportati sono AVI, ASF, WMV, MOV, MPEG ½/4, 3GPP, DV, H.263, H.264. Per default i video sono mostrati in un box 400 x 300 pixels, ma possono anche essere visualizzati in full screen.
I browser supportati sono Internet Explorer, Firefox, and Safari, attraverso Microsoft Media Player o Macromedia Flash Player.

Secondo il "Soapbox (Beta) Service Code of Conduct" attualmente la membership è limitata agli utenti USA, ma non ho ancora potuto verificare la cosa.

Segnalo anche Metello, un sito italiano stile Youtube per la condivisione di video online. Per la storia e la descrizione del servizio date un'occhiata a questo articolo su Infocity.

Tags: sostituita l'icona con il testo "Permalink" -->

Marco - default - 0 commenti / 0 trackbacks - Permalink

13 Febbraio 2007Stop ai costi
di ricarica dal 5 marzo

       

Non ci sarà il paventato rinvio dell'entrata in vigore del provvedimento che abolisce i costi di ricarica dei cellulari. Dal 5 marzo prossimo stop ai costi fissi per le ricariche dei cellulari. Di seguito la nota dell'agenzia Ansa:

"Dal 5/3 non sara' piu' possibile applicare costi fissi sulle schede di ricarica dei cellulari. A riferirlo e' il relatore al dl sulle liberalizzazioni, Andrea Lulli. Lo stop ai costi fissi di ricarica viene esteso alle schede pre-pagate per servizi televisivi e internet. E' quanto prevede un emendamento presentato al decreto legge in commissione. L'intento e' quello di estendere a tutti i servizi di telecomunicazione una disciplina unitaria".

Quindi saranno eliminati anche i costi di ricarica delle card per il digitale terrestre.

Lulli, deputato dell'Ulivo, ha spiegato che, quanto a concorrenza, "siamo un paese un po' malato. Avevo chiesto di valutare le controdeduzioni delle aziende. E osservazioni sono arrivate ma sono irricevibili: non mi hanno convinto; anzi dopo averle valutate, mi hanno convinto che l'applicazione della norma nei tempi previsti e' possibile oltre che giusta".

Per una volta i consumatori italiani possono esultare :-) .


Tags:

sostituita l'icona con il testo "Permalink" -->

Marco - default - 0 commenti / 0 trackbacks - Permalink

09 Febbraio 2007AltroConsumo:
petizione per cambiare
la legge sul diritto d'autore

       

L'associazione AltroConsumo ha consegnato oggi al Ministro Rutelli una petizione in cui chiede di rivedere la legge sul diritto d'autore.

"La nostra petizione, con le prime 10.000 firme raccolte, è stata consegnata al ministro dei Beni culturali Francesco Rutelli e al presidente della commissione Cultura della Camera Pietro Folena. Chiediamo la revisione della legge sul diritto d'autore, perché siano tutelati anche i diritti dei consumatori. Favorevole è stato anche il parere del Presidente della Commissione Cultura della Camera Pietro Folena, che ci ha scritto chiedendo di incontrarci ...".

Queste in sintesi le richieste espresse nella petizione:

  • "l'abolizione delle sanzioni penali per chi, senza scopo di lucro, scarica e condivide in Rete contenuti protetti;
  • un mercato moderno, efficiente e concorrenziale dei contenuti digitali basato su una gestione dei diritti d'autore digitali che rispetti anche i diritti degli utenti;
  • il divieto della coesistenza di DRM (la gestione dei diritti d'autore digitali) e dell'Equo Compenso (il sovrapprezzo applicato ai supporti come compenso agli autori per il mancato guadagno sulle copie private); con questi sistemi il consumatore rischia di pagare più volte, oltre a non poter eseguire la copia privata e a essere limitato nella scelta della tecnologia e dei supporti informatici che preferisce".

E' ancora possibile aderire alla petizione di AltroConsumo qui .


Tags:

sostituita l'icona con il testo "Permalink" -->

Marco - default - 0 commenti / 0 trackbacks - Permalink

08 Febbraio 2007Google News:
'Docs and Spreadsheets'
in italiano e Toolbar 3

       

Ancora Google sugli scudi: sempre dal blog di Google Italia si apprende che è disponibile la versione italiana di Docs and Spreadsheets, ribattezzata Documenti e Fogli di Lavoro, l'applicazione online che permette di creare e condividere documenti di testo e fogli di calcolo.

In più, è stata rilasciata la versione finale della Google Toolbar 3, che, tra le altre novità, permette proprio di accedere direttamente all'applicazione Documenti e Fogli di lavoro:

"Attivando la funzione Google Documenti e Fogli di Lavoro in Google Toolbar puoi aprire i tipi di file più diffusi direttamente nel tuo browser. Google Documenti e Fogli di Lavoro visualizzerà questi file in una nuova finestra del browser quando trascini l'icona del file sul browser, quando fai clic su un link a un file in una pagina web o quando fai doppio clic sull'icona del file".


Tags:

sostituita l'icona con il testo "Permalink" -->

Marco - default - 0 commenti / 0 trackbacks - Permalink

08 Febbraio 2007Gmail: da oggi
account senza inviti

       

Novità riguardo Gmail. Come riporta il blog di Google italia "da oggi in Italia tutti coloro che lo vorranno potranno liberamente aprirsi un account Gmail all’indirizzo: http://www.gmail.com" senza la necessità di ricevere un invito da un utente già attivo. Per ora comunque Gmail rimane in beta.

Inoltre, prosegue il post, "per rendere l’accesso a Gmail ancora più semplice ed immediato Google ha creato un client in italiano, appositamente studiato per i cellulari e che da oggi può essere scaricato visitando il sito http://gmail.com/app". Qui la novità è solo la localizzazione in lingua italiana del client che Google aveva già rilasciato tempo fa. In più nel post si sottolinea l'attenzione di Google nei confronti della tecnologia mobile, "un elemento che riteniamo fondamentale per poter veicolare costantemente informazioni e fornire agli utenti un servizio utile e concreto nella vita di tutti i giorni". Un messaggio che sembra una prima risposta agli opertori mobili europei che vorrebbero impegnarsi a costruire un nuovo motore di ricerca per i cellulari alternativo a Google e Yahoo! : la società di Mountain View è pronta alla lotta per imporsi anche nel mondo mobile.


Tags:

sostituita l'icona con il testo "Permalink" -->

Marco - default - 0 commenti / 0 trackbacks - Permalink

06 Febbraio 2007Di tutto un po'

       

Quattro link su argomenti diversi ma interessanti:

  • Su Punto Informatico la notizia che la tecnologia di virtualizzazione KVM è stata integrata nel nuovo kernel 2.6.20 di Linux. "A differenza degli hypervisor esterni (come Xen, ndr), che assumono il controllo della macchina e dividono le risorse tra i sistemi operativi guest, KVM è parte di Linux ed utilizza il suo stesso scheduler dei processi e lo stesso sistema di gestione della memoria".
  • Sul blog di Stefano Quintarelli, un post sulle reali possibilità di utilizzo del WiMAX.

"Il mio pensiero sul WiMAX è che dato l'esiguo spretto in assegnazione e i limiti di capacità per unità radio e BTS non potrà che essere una tecnologia (come Hyperlan2 del resto) per fare piccole coperture. Quindi anti-digitaldivide o zone economiche particolarmente interessati come sostituito di (S|H)DSL ...".

Interessanti anche i commenti ...
  • Su Repubblica - "Affari e Finanza", da leggere l'articolo di Stefano Carli sulle reti NGN (Next Generation Network): quando arriveranno, quanto costeranno, chi le pagherà e cosa ci viaggerà sopra.
"... Queste Ngn, ‘new generation neteworks’, come vengono definite le reti a larghissima banda, non sono dietro l’angolo. Per più di una ragione. Intanto le regole. All’Agcom servirà almeno un anno, più probabilmente diciotto mesi, solo per arrivare a stabilire il cosa e il come. Poi ci saranno i tempi di sviluppo dell’infrastruttura. E anche qui si parla di anni.
Ci sono quindi tutte le condizioni perché questa partita, nata come un fatto puramente regolamentare, diventi un tavolo di discussione molto più ampio su come il paese dovrà dotarsi di una moderna infrastruttura di telecomunicazione ...
".
  • Infine (non per importanza) da Luca De Biase un post per riflettere sulla classe dirigente in italia (al momento il permalink non funziona: il post comunque è di oggi 6 febbraio).
"Il libro Elite e classi dirigenti in Italia (a cura di Carlo Carboni) copre un argomento fondamentale. Racconta del maschilismo, della gerontocrazia, dello scarso ricambio del ceto che guida gli italiani ...".

Tags: sostituita l'icona con il testo "Permalink" -->

Marco - default - 0 commenti / 0 trackbacks - Permalink

04 Febbraio 2007
Motore di ricerca europeo
per cellulari all'orizzonte?

       

Sembra si prospetti all'orizzonte un'alleanza tra gli operatori di telefonia mobile europei più l'americana Cingular, per creare un motore di ricerca per cellulari che faccia concorrenza a Google e Yahoo!. L'obiettivo è assicurarsi una parte importante degli introiti pubblicitari. Di seguito l'agenzia dell'Ansa:

- LONDRA, 4 FEB - Le grandi compagnie europee di telefonia mobile, tra cui Telecom Italia, si riuniranno per discutere la creazione di un motore di ricerca.L'incontro si terra' la settimana prossima 'in segreto' e 'ad alto livello' a Barcellona per creare una alternativa a Google e Yahoo!, secondo 'Sunday Telegraph'. Vodafone, France Telecom, Telefonica, Deutsche Telekom, Telecom Italia, Hutchinson Whampoa e l'operatore Usa Cingular vorrebbero cosi' 'tenersi una fetta maggiore dei profitti pubblicitari'.

Sempre il Sunday Telegraph riporta queste stime: nel solo Regno Unito, il 20% degli abbonati accederà ad Internet attraverso reti mobili ad alta velocità entro la fine del 2007, e ciò farà aumentare in maniera esponenziale l'uso dei motori di ricerca via cellulare. Naturale, alla luce di queste previsioni, che le telco europee cerchino un modo per accaparrarsi la loro parte di torta.


Tags:  

sostituita l'icona con il testo "Permalink" -->

Marco - default - 0 commenti / 0 trackbacks - Permalink

Articoli

03 02 2006 09:00L'Angolo Informatico

A questo link trovate alcuni articoli che ho pubblicato sul Corriere del Trentino. continua a leggere

Marco - sei commenti - Permalink